Giornata mondiale del malato 2024, un richiamo alla vicinanza, alla compassione e alla tenerezza.

Giornata Mondiale del Malato 2024

«Non è bene che l’uomo sia solo» (Gen 2,18).

Così racconta la Genesi sulla creazione dell’uomo ed è proprio questo il concetto che Papa Francesco ha voluto sottolineare in vista della prossima giornata mondiale del malato che si terrà l’11 febbraio:

Siamo creati per stare insieme, non da soli. E proprio perché questo progetto di comunione è inscritto così a fondo nel cuore umano, l’esperienza dell’abbandono e della solitudine ci spaventa e ci risulta dolorosa e perfino disumana.” Il suo ammonimento ci riporta alla vicinanza, alla compassione e alla tenerezza verso coloro che soffrono affrontando una malattia o un momento di debolezza.

Prima o poi tutti nella vita facciamo esperienza della malattia; sperimentiamo la debolezza, il non poter affidarci completamente a noi stessi ma dover chiedere aiuto. Proprio in questi momenti di prova e difficoltà si possono manifestare gesti di vicinanza e di amore. Assistere una persona nella malattia vuol dire prima di tutto non lasciarla sola. “La base della cura è la vicinanza” racconta Adelaide, infermiera presso BeeCare, in procinto di terminare il CAS in Cure palliative. Le abbiamo chiesto di raccontarci la sua esperienza.

Perché nella vita hai scelto di stare accanto a chi è malato?
Penso che lo scopo della mia vita sia prendermi cura degli altri. A me piace parlare di talenti, capacità e doti, scoprire pian piano cosa ci rende felici. Durante il percorso di studi ci insegnavano le 3 S: sapere, saper fare e saper essere. Il sapere è fondamentale per poter offrire cure basate su conoscenze scientifiche, apportate ad ogni singolo caso. Il saper fare è altrettanto importante, imparare le tecniche per l’assistenza al paziente e la gestione di apparecchiature sempre più sofisticate. Infine il saper essere, con la consapevolezza che la nostra cura passa attraverso la relazione; essere infermiere vuol dire in primis saper essere persona e individuo presente a sé stesso, che sappia poi essere presente agli altri.

Adelaide sottolinea anche come sia opportuno lavorare per un futuro di prevenzione; insegnare alle persone come prendersi cura di sé stessi, sapere come sentirsi e vedersi imparando a gestire il proprio corpo.

Ma non solo il corpo fisico, è fondamentale imparare a considerare il proprio essere nei tre elementi che formano l’uomo: corpo, anima e spirito.

Mettersi alla pari con gli altri

Cosa vuol dire per te mostrare compassione e tenerezza ai pazienti?
Avere compassione significa mettersi alla pari con le proprie fragilità e debolezze. Siamo una stessa umanità, io che curo e coloro che vengono assistiti. Questo approccio di un’unica umanità mi porta a non indossare un ruolo ma ad essere un umano che in quel momento è in aiuto al prossimo, con la consapevolezza che a sua volta verrà aiutato lui stesso nel momento del bisogno. Si tratta anche di prendere parte alla vita del paziente, entrare a far parte del suo mondo fatto di relazioni, emozioni, vissuto e speranze future. Compassione vuol dire per me guardare e vivere insieme quel momento. La tenerezza posso manifestarla ai miei pazienti dandogli la mia completa attenzione: ‘Non si preoccupi, io sono qui per lei.’

Secondo la tua esperienza lavorativa, che peso ha la vicinanza per chi combatte una malattia?
“La base della cura è la vicinanza. Il nostro agire quotidiano si basa sulla cura del corpo che necessita di vicinanza fisica, ma allo stesso tempo anche di vicinanza psicosociale. Le persone hanno bisogno di essere toccate e guardate, nel corpo e nell’anima. Nel nostro lavoro si entra spesso in una relazione intima e profonda con il prossimo, dove si ha modo di ascoltare la vita delle persone, che in fondo cercano solo di portarti alla luce del loro essere.”

Altre
notizie

Iscriviti alla newsletter

Unisciti alla nostra community di BeeCare!
Iscrivendoti gratuitamente alla nostra newsletter, riceverai direttamente nella tua casella di posta elettronica articoli esclusivi e ricchi di informazioni utili.

Scoprirai interviste approfondite con esperti del settore medico, consigli pratici per migliorare la vita quotidiana degli anziani, e le ultime notizie e tendenze relative al benessere degli anziani.

La nostra newsletter è una finestra sul mondo dell’assistenza domiciliare, offrendoti spunti e idee per prenderti cura al meglio dei tuoi cari.