Famiglie e badanti non devono essere lasciate da sole

Il consulente in assistenza domiciliare è nato per fornire una risposta all’esigenza delle famiglie di avere qualcuno che le accompagnasse a capire come muoversi, come organizzarsi, in un certo momento della vita che corrisponde a quel momento in cui ci rendiamo conto che dobbiamo portare la responsabilità di occuparci delle cure e dell’assistenza di un proprio genitore o famigliare.

Normalmente sono i figli che si occupano di gestire le cure e l’assistenza dei propri genitori. Accade un fatto per cui ci si rende conto che il genitore necessita di maggiori cure e maggiore presenza. Egli non può più stare da solo: ha perso una parte o la totalità della propria autonomia. Che fare?

Normalmente i fratelli e sorelle si riuniscono e tutti espongono i propri impegni. Ma c’è sempre una sorella o un fratello che per buon cuore o minori impegni degli altri si mette a disposizione per gestire la cura e l’assistenza del genitore. E per fortuna che è così!!

Si parte quindi con le migliori intenzioni ma la realtà è purtroppo diversa da quello che ci eravamo prefigurati. Rapidamente ci troviamo sott’acqua. Tanti impegni e l’impossibilità di lasciare il nostro genitore da solo anche fosse solo per mezza giornata.

In quei casi ci servirebbe solo una persona che ci desse il cambio! Per fare qualche commissione o per semplicemente tirare un po’ il fiato!

La gestione delle badanti un aspetto cruciale per una maggiore tranquillità.

Poter fare affidamento ad un servizio che ci offre personale qualificato gestendo lui tutto e lasciando a noi solo di godere del servizio, non è un lusso: è una necessità di un preciso momento della vita.

Tutti noi abbiamo già sentito parlare di badanti e del lavoro che fanno. Pochi ne hanno avuta una in famiglia, ma coloro che ce l’hanno spesso hanno dovuto superare grandi difficoltà e momenti d’ansia prima di avere un’organizzazione famigliare che funzioni.

Quest’organizzazione che abbiamo messo in piedi con grande dispendio di energie e tempo è a volte complicata e spesso fragile perché basta che la signora badante vada in vacanza o non vada d’accordo con la persona da curare che subito tutto si complica e la nostra organizzazione rischia di andare a pallino.

Non racconto nulla di nuovo per chi è passato dall’organizzazione di una o più badanti.

Infatti per gestire le badanti è necessario avere delle conoscenze approfondite di diritto del lavoro, gestione amministrativa delle buste paga, selezione e gestione del personale, conoscenze organizzative e di comunicazione (interculturale a volte).

È necessario conoscere il vissuto di queste persone, la loro rete sociale, le loro necessità. Inoltre è necessario avere del tempo da dedicare alla cura del rapporto con la collaboratrice che entra in casa nostra o dei nostri famigliari per instaurare un rapporto che con il tempo diventerà di fiducia, la fiducia, armonia.

Anche se abbiamo tutto questo, non siamo coperti dal rischio che la signora ci lasci e che dobbiamo ricominciare tutto daccapo partendo dalla fase a volte più difficile che è il trovare e selezionare la persona giusta. E tutto questo percorso è irto di dubbi sulla correttezza e la bontà di ciò che sto facendo, perché certo ne posso parlare con le persone attorno a me, ma nessuna è un professionista ma solo amici o amiche che mi danno la loro esperienza più o meno valida al mio caso.

Io invece desidero che se sbaglio, posso ridurre al mimino le conseguenze e cambiare, tornare indietro.

Quindi quando ci si trova tra fratelli a discutere della cura di un genitore anziano, bisogna essere coscienti che il fratello o la sorella che si prende a carico quest’intendenza, si sta caricando di una grande mole di lavoro che di solito non è un granché considerato dagli altri. Infatti in quanti ci siamo sentiti dire: “ma cosa ci vuole a trovare una brava signora che venga e si occupi della mamma o del papà?

Il consulente in assistenza domiciliare

Si tratta di una persona con una grande esperienza di gestione di badanti e con tutte le conoscenze elencate precedentemente. Egli è a vostra disposizione per ascoltare la vostra particolare situazione e, insieme a voi, trovare le soluzioni migliori. Soluzioni che saranno mutevoli con il tempo e che si adatteranno al mutare delle vostre esigenze.

È necessario fare una corretta analisi della situazione per trovare la persona giusta che fa al caso vostro. La sua introduzione presso la vostra famiglia è da curare particolarmente bene perché ogni famiglia ha la sua storia e la sua situazione.

Certo si può sbagliare, ma se ho un’alternativa anche lo sbagliare è lieve. Se invece l’alternativa non ce l’ho allora i rapporti si fanno tesi e spesso si finisce per litigare.

Conoscenze e competenze specifiche a disposizione

Il Servizio Assistenza Domiciliare di BeeCare mette a vostra disposizione un consulente in assistenza domiciliare con una grande rete di contatti e conoscenze sul territorio, consigliandovi come agire e a chi fare riferimento per determinati servizi. Inoltre si farà carico di tutto il lavoro specialistico e di organizzazione, dalla ricerca della persona, alla sua selezione ed introduzione presso la vostra famiglia.

Con il tempo gestirà la vostra o le vostre badanti sia da un punto di vista amministrativo sia da un punto di vista organizzativo, sostituendola se va in vacanza o si ammala, assicurandovi sempre di essere coperti giorno e notte secondo le vostre esigenze.

Il fatto che non siate più voi direttamente ad occuparvi della badante risolve molte tensioni e aspetti di conflittualità. Infatti la badante con voi non è libera di dire ciò che pensa perché ha paura, come è comprensibile, di perdere il posto di lavoro. La famiglia dal canto suo alcune volte non è libera di correggere la badante perché ha paura che ella si offenda e che lavori meno bene o che addirittura se ne vada lasciando la famiglia in una situazione insostenibile.

famiglia e la badante esprimono i loro bisogni a BeeCareMa è necessario che le due parti si parlino ed esprimano le reciproche esigenze per creare quell’armonia così necessaria all’anziano che decide di rimanere a casa a vivere e di non andare in casa anziani.

Con una triangolazione come da schema affianco, dove la famiglia e la badante esprimono i loro bisogni a BeeCare, (senza entrare in un rapporto che potrebbe essere percepito come di ricatto) e questa poi si adopera tramite il Consulente in assistenza domiciliare, a comunicare il necessario a chi di dovere ed organizzare il lavoro in modo che ogni difficoltà venga superata con tranquillità.

Una tranquillità frutto di una certezza
La tranquillità nasce proprio dal fatto che sia la badante sia la famiglia sanno che ogni difficoltà sarà affrontata insieme al Consulente avendo tutti come unica ottica il bene del paziente e la creazione di una realtà armoniosa attorno a lui.

Un servizio per la città e per la campagna, apprezzato in tutto il Ticino!
Il nostro servizio di assistenza domiciliare è a vostra disposizione su tutto il territorio cantonale. Si tratta di un servizio al pubblico, di qualità e in collaborazione con medici di famiglia ed enti sociosanitari del territorio.